Lecce 1 Brescia 0

Postato in Serie BKT 2018/19

Lecce 1 Brescia 0 fotolive

Un gol a 10' dalla fine di Tabanelli permette al Lecce di vincere lo scontro al vertice e agganciare il Brescia in vetta alla classifica,  rimandando la promozione in A del Brescia che ha giocato quasi tutto il secondo tempo in dieci per l'espulsione di Sabelli, adesso dovrà vincere contro l'Ascoli mercoledì e sperare che il Palermo non vinca per festeggiare. Nel finale espulso Corini che protestava per un evidente rigore negato al Brescia al novantesimo.

 

LECCE-BRESCIA 1-0
80' Tabanelli

Lecce (4-3-1-2): Vigorito; Venuti, Meccariello, Lucioni, Marino; Petriccione, Tachtsidis (78' Tabanelli), Majer; Mancosu; Falco, La Mantia (86' Palombi). All. Liverani

Brescia (4-3-1-2): Alfonso; Sabelli, Cistana, Romagnoli, Mateju; Dessena, Tonali (86' Morosini), Bisoli; Ndoj (52' Dall'Oglio); Donnarumma (71' Spalek), Torregrossa. All. Corini

Ammoniti: Sabelli (B), Petriccione (L), Tachtsidis (L), Meccariello (L), Dessena (B), Tabanelli (L)

Espulso Sabelli (B) al 54' per doppia ammonizione

Allontanato Corini al 93' per proteste

Brescia Calcio news

  • Ancora una pesante sconfitta per il Brescia che a Reggio Emilia dura solo 44' fino al gol regalato da Chancellor a Caputo. Fino ad allora il Brescia si era reso più pericoloso con le parate di Consigli a fermare Balotelli due volte ed una Zmrhal.

  • Ventisette punti gettati dopo essere passati in vantaggio, la stagione del Brescia è tutte in questa statistica, l' ennesima sconfitta di misura, l' ennesima sconfitta per 2 a 1.

  • Alfonso 6,5 gioca pochi minuti, ma esce bene due volteAndrenacci 6,5 ottimi interventi, ma appare troppo fermo sulla punizione di Dybala, non fa il miracolo su Cuadrado

  • Ancora una sconfitta per le rondinelle che non sfigurano all' Allianz Stadium, nonostante le cinque assenze pesanti e l' espulsione discutibile di Ayè in pieno primo tempo che ha costretto le rondinelle a giocare un' ora in 10.

  • Era una TORINO grigia quella che si presentò davanti ai miei occhi il 22 febbraio 1981, una Torino svuotata da una fredda domenica invernale dei primi anni ottanta, tutto chiuso, Pizzeria e Ristoranti inesistenti, dopo una ricerca affannosa, mio padre trovò finalmente un bar dove pranzare con una pizza alta due centrimetri e larga 15 immangiabile.