Brescia Calcio news

  • E' tornato il Brescia, è tornato il Brescia di Corini che concede uno sterile possesso palla alla Spal che non impegna mai Joronen, mentre gli unici tiri in porta del primo tempo sono di Balotelli, Tonali e Romulo, tutti parati da Berisha. Un Tonali non impeccabile sbaglia qualche pallone di troppo, Torregrossa molto vivace con un Balotelli molto mobile che sbaglia però al 45' un tiro dai 25 metri sparando alle stelle.

  • Joronen, 6 anche stavolta non si può contestargli nulla, tre gol sul groppone senza poter far nulla per evitarli Mangraviti 4,5 non ci capisce nulla, infilato da tutte le parti (85' Morosini s.v., Grosso cambia modulo troppo tardi, ma non è colpa di Morosini ),

  • Primo tempo da incubo col Brescia schierato da Grosso con un 5 1 2 2 incomprensibile che conegna il centrocampo all' Atalanta. Fioccano così occasioni su occasioni per gli ospiti mentre Balotelli e Torregrossa sono isolati e non ricevono neppure un pallone giocabile.

  • la prima volta che vidi in serie A l' Atalanta a Brescia fu il 12 aprile del 1987, l' Atalanta ed il Brescia lottavano per la salvezza punto a punto. Un gol di Tullio Gritti allo scadere del primo tempo esaltò lo stadio gremito. Nella ripresa il Brescia di Giorgi sfiorò il raddoppio, mentre Aliboni chiuse la saracinesca, le rondinelle portarono a casa due punti che sembravano lanciarle verso la salvezza, vanificata dal gol del bresciano Bonetti a Torino all' ultima giornata, mentre l' Atalanta di Sonetti sprofondò in classifica per arrivare anch' essa alla retrocessione.

  • Nel primo tempo un Brescia ordinato concede solo calci d' angolo alla Roma. Di Ndoj l' unico tiro in porta, mentre Donnarumma ha sulla testa la palla del vantaggio al 43', ma non inquadra lo specchio della porta. Una formazione più logica, quella messa in campo da Grosso, pur priva di una delle stelle del campionato : Balotelli lasciato a casa è una sconfitta per Grosso.

  • Nella stagione 1980-81 il 21 settembre 1980 il Brescia esordisce in serie A ed è punito a Roma da un rigore di Pruzzo, il bomber della serie A lasciato a casa da Bearzot al Mundial '82.Il Brescia di Magni non sfigura, ma la Roma di Falcao e Bruno Conti con in panchina Liedholm non lascia punti per strada, a fine stagione retrocessione per la classifica avulsa per le rondinelle, secondo posto a meno 2 dalla Juve per i capitolini.

  • Joronen 6, ne prende 4, ma due sono su rigore, gli altri due gol imparabili Sabelli 5 sempre sotto ai suoi standard visti lo scorso campionato, sia nella fase difensiva che in costruzione, manca la chiusura sul quarto gol

  • Squadra allo sbando completamente e la colpa è tutta del Presidente. Una giornata nera per il Brescia Calcio! Il Brescia non tiene su una palla e tutta la squadra sembra sia imbrocchita di colpo.

  • Era il 23 Novembre 1980 quando dalla mitica Curva Niord vidi per la prima volta le gloriose maglie granata, mio padre mi racconto del grande Torino al quale tutti loro bambini guardavano con ammirazione per l' invincibilità della squadra e per il capitano bresciano, Mario Rigamonti, mi raccontò del dramma nazionale di Superga, quando nel 1949 i ragazzini come lui piansero di più che alle notizie dal fronte della guerra, che era appena terminata.

  • Joronen 6, incolpevole sui gol, smanaccia un paio di corner battuti verso la porta, due tiri in porta del Verona, due gol subiti Mateju 6 se la cava bene da centrale difensivo, una partita senza sbavature, ma anche senza guizzi

Livorno 0 Brescia 1

Postato in Serie BKT 2018/19

Livorno 0 Brescia 1 fotolive

Va al Brescia il posticipo della 33esima giornata di serie B in trasferta a Livorno e torna a guidare la classifica in solitaria con 3 punti di margine sul Lecce che ha una partita in più. A segno Simone Romagnoli la rete, all'89esimo, che regala i 3 punti alla squadra di Corini.

LIVORNO (3-5-2): Zima; Gonnelli, Di Gennaro, Boben; Valiani, Agazzi, Rocca (dal 23′ st Murillo), Luci, Eguelfi (dal 30′ st Fazzi); Diamanti, Raicevic (dal 35′ st Soumaoro). A disposizione: Crosta, Baiocco, Gasbarro, Dainelli, Kupisz, Salzano, Giannetti, Dumitru, Gori. Allenatore: Roberto Breda.

BRESCIA (4-3-1-2): Alfonso; Sabelli, Cistana, Romagnoli, Martella; Ndoj (dal 7′ st Dessena), Tonali, Bisoli; Spalek (dal 15′ st Tremolada); Donnarumma (dal 32′ st Rodriguez), Torregrossa. A disposizione: Andrenacci, Gastaldello, Semprini, Dall’Oglio, Morosini. Allenatore: Eugenio Corini.

Reti: al 44′ st Romagnoli

Ammonizioni: Cistana, Ndoj, Di Gennaro, Spalek, Dessena, Valiani

Recupero: 1 minuto nel primo tempo, 5 minuti nella ripresa