Brescia CF 11 Biassono 0

Postato in Brescia calcio Femminile

Brescia 11 Biassono 0

Prestazione di altissimo livello del Brescia Calcio Femminile nella 28esima e terz’ultima giornata del campionato di Eccellenza regionale.

Sul campo amico del “Paolo VI” di Urago Mella le ragazze di mister Treccani hanno schiantato il Biassono addirittura con undici gol, miglior prova realizzativa stagionale dopo le 10 marcature rifilate al Lesmo. Per le Leonesse poker di Brayda, poi doppietta di Fumagalli e sigilli di Pasquali, Farina e Citaristi su rigore oltre a due autoreti.

LA GARA – Mister Treccani, ancora in tribuna per squalifica (in panchina il preparatore dei portieri Valnegri) schiera il Brescia con un 4-2-3-1 con Cancarini in porta, Pedemonti (al ritorno dopo una lunga assenza per infortunio), Brevi, Dolfini e Lazzari in difesa; Bocchi e Magri in mezzo, Fumagalli, Brayda e Farina sulla trequarti dietro a Pasquali punta avanzata. Arbitra il signor Bonetti della sezione di Lovere.
Dopo aver osservato il minuto di silenzio disposto dalla Federazione per commemorare le vittime della tragedia de L’Aquila, la gara inizia su un binario ben preciso, con il Brescia a fare la partita e il Biassono, che lotta per non retrocedere, chiuso nella propria metà campo. Le occasioni da gol fioccano da subito: al 6′ lancio di Farina per Brayda che sbaglia il controllo e si fa anticipare dal portiere in uscita bassa. Un minuto dopo incredibile palla gol per Fumagalli che, pescata in profondità, davanti al portiere tira alto. Passa un altro minuto e da corner battuto da Farina, Dolfini stacca di testa ma la sua incornata è alta sopra la traversa. I tempi per il vantaggio però sono maturi, e arriva al 14′: Pasquali va in profondità sulla sinistra, crossa sul secondo palo dove è appostata Fumagalli che realizza. Sulla fascia sinistra le Leonesse trovano terreno fertile: al 17′ Farina affonda da quel lato, converge verso il centro e cerca la conclusione di destro col pallone che esce di pochissimo. Al 19′ Pasquali scatta sul filo del fuorigioco su splendido suggerimento di Brayda: un controllo di troppo per l’attaccante che si fa anticipare dal portiere. Un minuto dopo però arriva il raddoppio: scambio veloce in area di rigore tra Brayda e Fumagalli con quest’ultima che fulmina De Santis. Gli attacchi delle Leonesse sono tambureggianti, e per il Biassono è impossibile uscire dalla propria metà campo: al 23′ Fumagalli è lanciata in profondità da Pasquali ma da posizione defilata non trova la porta. Al 31′ combinazione Fumagalli-Brayda con quest’ultima che cerca la conclusione incrociata, bella risposta di De Santis di piede. Al 32′ Pasquali sfiora il supergol con una conclusione a giro di destro dal lato sinistro dell’area di rigore: pallone fuori di pochissimo. Al 36′ torna al gol Brayda su assist di Lazzari nel cuore dell’area di rigore. Al 39′ si fa vedere il Biassono in contropiede con Citelli, ma la sua conclusione è larga sul primo palo. In chiusura di primo tempo arriva anche la soddisfazione personale per Pasquali: lancio di Bocchi per Brayda che pesca Pasquali a centro area, finta di corpo e conclusione di destro sotto l’incrocio dei pali. Nel recupero del primo tempo altre due occasioni, prima per Fumagalli, poi Farina entrambe respinte da De Santis. Nella ripresa al 4′ Brayda è prontissima a ribadire in rete la conclusione dal limite dell’area di Pasquali, mettendo in porta il 5-0 e la doppietta personale. Doppietta che diventa tripletta al 25′ da pochi passi sul corner battuto da Farina. Al 30′ Dolfini ha una buona occasione sempre da calcio d’angolo, ma De Santis ha un bel riflesso e nega la gioia del gol alla centrale di difesa. Nel quarto d’ora finale il Biassono non è più in campo e il Brescia affonda i colpi: al 33′ rigore per fallo su Farina, si incarica Citaristi che non sbaglia. Passano pochi secondi e arriva anche l’ottavo gol su autorete di Ravaglioli e al 36′ Brayda firma il poker personale. Al 37′ si fa vedere il Biassono con Porta che va al tiro deviato dalla difesa. Al 38′ occasione per Massussi, ma è brava dalla distanza ravvicinata De Santis ad opporsi coi piedi. A tempo ormai praticamente scaduto arrivano il decimo e undicesimo gol, prima con la seconda autorete di giornata, stavolta ad opera di Valtolina, e poi con Farina.
Finisce così una partita senza storia che le Leonesse hanno giocato con velocità, intensità e grande tecnica, mostrando automatismi offensivi di grande livello. Ora testa al Cortefranca: la gara, prevista per il prossimo 14 aprile è stata rinviata dal Comitato regionale per lasciare spazio al Torneo delle Regioni, e nei prossimi giorni sarà comunicata la data in cui verrà disputata.

LE INTERVISTE – Con mister Fabio Treccani squalificato, a parlare è il Team Manager Roberto Antonini: «Oggi credo si sia visto uno dei migliori Brescia della stagione. Se la scorsa settimana eravamo qui a recriminare per le tantissime occasioni sprecate, oggi possiamo dire di averle concretizzate la maggior parte. Ora testa alle prossime due partite, vogliamo fare sei punti».
Dopo un lungo stop è tornata in campo Chiara Pedemonti: «Non me l’aspettavo di giocare subito, sono tornata in gruppo solo questa settimana, potevo sperare di fare qualche minuto nel finale ma sono felicissima di essere tornata in campo ad aiutare le mie compagne subito da titolare. Mi mancava un po’ il fiato però il ginocchio è andato benissimo».
Per Gaia Farina dopo diversi tentativi è arrivato il gol nel finale: «Sì ci ho provato tanto, alla fine è arrivato. Devo ringraziare Veronique per l’assist. Credo che oggi dopo diverso tempo si è rivisto il vero Brescia, una squadra che riesce a manovrare e creare azioni in velocità. Ora ci aspetta una gara difficile contro il Cortefranca, che è vero che ha già vinto il campionato ma sicuramente vorrà darci filo da torcere e vincere la gara, ma noi ci faremo trovare pronte».

Brescia-Biassono 11-0
Brescia Cancarini, Pedemonti (6′ st Inverardi), Lazzari, Bocchi, Dolfini, Brevi (11′ st Belussi), Brayda, Magri (31′ st Massussi), Pasquali (21′ Citaristi), Farina, Fumagalli (15′ st Ferrari). (Gilardi, Algisi). Allenatore Treccani (squalificato, in panchina Valnegri)
Biassono De Santis, Macrì, Boffi, Porta, Ravaglioli, Fiore (31′ st Grittini), Frangi, Bennato (12′ pt Valtolina), Grassi (10′ st De Bellis, 40′ st Vismara), Clerici, Citelli. (Zappa). Allenatore Suppa
Arbitro Bonetti (Lovere)
Reti pt 14′ Fumagalli, 20′ Fumagalli, 36′ Brayda, 42′ Pasquali; st 4′ Brayda, 20′ Brayda, 33′ Citaristi rigore, 34′ Ravaglioli autorete, 36′ Brayda, 44′ Valtolina autorete, 45′ Farina
Note Ammonite Macrì, Fiore

  ,