Brescia 2 Mozzaniaca 3

Postato in Brescia calcio Femminile

Brescia 2 Mozzaniaca 3

Ufficio stampa BCF. Il Brescia Calcio Femminile spreca una ghiottissima occasione per staccare le coinquiline di primo posto della Juventus (sconfitta a Firenze) cadendo in casa nel derby con l’Atalanta. Dopo un primo tempo dominato le leonesse nella ripresa calano alla distanza e le nerazzurre di Garavaglia ne approfittano. Partita emozionantissima al Club Azzurri con un secondo tempo in cui succede di tutto.


Piovani ripropone lo stesso undici vittorioso a Torino e la prima frazione di gara mette in mostra un Brescia CF un po’ impreciso nelle trame di gioco ma comunque padrone assoluto del campo. A influire sulla gara il gran caldo.
Al 24′ del primo tempo, dopo una serie impressionante di off-side inspiegabilmente segnalati dall’assistente dell’arbitro Scialla, Piovani viene espulso per proteste.
Passano solo quattro minuti e Giacinti segna un gol-capolavoro: lancio di Giugliano per la ex di turno, che calcia da fuori area una conclusione-pallonetto che beffa Thalmann per la gioia del pubblico di casa.
Al 37′ Girelli ha la palla del 2-0 ma il capitano, sola davanti a Thalmann, si fa ipnotizzare dal portiere delle bergamasche.
Brescia CF ancora sciupone in chiusura di primo tempo con Daleszczyk, con la polacca che serve una palla d’oro a Giacinti che da sola entra in area ma calcia fuori alla destra di Thalmann.
Nella ripresa l’Atalanta Mozzanica si mostra più compatta ma il Brescia ha ancora due occasioni con Girelli al 13′ e al 15′ con Sabatino non sfruttate. L’Atalanta mette fuori il naso con un tiro di Alborghetti deviato in angolo da Pettenuzzo, poi al 32′ pareggia con Monterubbiano. L’atalantina sorprende Ceasar sugli sviluppi di un’ingenuità delle leonesse, che anziché posizionarsi sulla sfera dopo una punizione fischiata generosamente alle avversarie, perdono tempo nel protestare con Scialla.
Cinque minuti dopo arriva il vantaggio con il consueto gol dell’ex: Scarpellini serve Alboerghetti in area che non lascia scampo a Ceasar, il Club Azzurri è ammutolito.
Al 45′ però il Brescia pareggia: sponda di Girelli per Hendrix in area e colpo di testa che vale il prezioso pareggio.
Nell’abbondante recupero arriva però il gol beffa dell’Atalanta: Carolina Mendes se ne va da sola in contropiede e, a tu per tu con Ceasar, infila la sfera sotto la traversa per l’incredibile vittoria della squadra ospite.
Nel post-partita mister Piovani mastica amaro per l’occasione buttata alle ortiche ma non fa drammi: “Oggi siamo stati ingenui in più occasioni e l’Atalanta, che era venuta qui con il coltello fra i denti, è stata brava a giocarsela al meglio. Sapevamo che questo finale di campionato sarebbe stato tosto, ora compattiamoci e pensiamo alle ultime tre partite. Dobbiamo vincerle tutte, poi se sarà spareggio, ci giocheremo anche quello. Oggi è stata la sconfitta del destino, ma l’importante è non mollare e continuare a lottare fino all’ultimo secondo dell’ultima partita che giocheremo. Questa sconfitta ci sia di lezione”.

IL TABELLINO

BRESCIA CF: Ceasar; Pettenuzzo (40’ st Heroum), Fusetti, Hendrix; Sikora, Girelli, Giugliano, Daleszczyk, Tomaselli (37’ st Di Criscio); Sabatino, Giacinti. (Marchitelli, Mendes, Magri, Cacciamali, Ghisi). All.: Piovani
ATALANTA MOZZANICA: Thalmann; Rizza, Rizzon, Piacezzi (1’ st Alborghetti), Motta; Stracchi, Scarpellini, Ledri; Baldi (12’ st Monterubbiano), Mendes C., Pirone (1’ st Pellegrinelli). (Salvi). All.: Garavaglia.
ARBITRO: Scialla di Vicenza.
RETI: pt 28’ Giacinti; st 32’ Monterubbiano, 36’ Alborghetti, 45’ Hendrix, 48’ Mendes C.
NOTE: Giornata calda, terreno in ottime condizioni. Spettatori 500 circa. Ammonite: Heroum. Angoli: Recuperi: 3’; 5’.

  ,