Risposta ufficiale del Presidente Cesari al Sig.Grisoli di Odeon TV

Postato in Brescia calcio Femminile

Egr. sig. Grisoli,
come ben sa purtroppo ho il brutto vizio di dire sempre in faccia alle persone quello che penso, sia che debba elogiare che criticare.

Sicuramente la mia non è e non sarà mai la “bocca della verità assoluta”, e tantomeno penso di avere la soluzione a tutti i problemi, ma le posso assicurare che è una “vita” che sto lottato contro i “mulini a vento” nel tentativo di far crescere il calcio femminile in Italia, e penso che con la mia società qualcosa possa aver dimostrato e certamente aiutato il movimento.
La premessa per confermare che non voglio certamente negare le mie affermazioni, ma anzi ribadire che come le avevo detto ODEON TV con tutto il rispetto non può certamente garantire la copertura che la Rai è in grado di offrire. Poi per quanto riguarda il mio intervento in cui avevo affermato che sul vostro canale qualcuno aveva visto dei filmati con contenuti “pornografici” anziché la partita è strettamente legato al problema che la vostra frequenza non è assolutamente in grado di garantire con la conseguenza che in certe zone altre emittenti possono trasmettere sulla stessa frequenza.
E allora sig. Grisoli si metta nei mie panni, che figura avrei fatto se quanto sopra riportato fosse accaduto ad una delle mie ragazzine del settore giovanile, anziché come era accaduto, ad una giocatrice della prima squadra maggiorenne e vaccinata?
Questo comunque non sminuisce quanto sinora fatto dalla sua emittente che ha certamente contribuito a divulgare il nostro sport, con i numeri da lei già citati.
Una cosa comunque mi pare poco “commerciale”. Francamente come imprenditore non capisco come l’emittente possa sopportare uno score negativo del 50% tra il fondo messo a disposizione dalla FIGC rispetto ai costi che deve sostenere. Forse allora il calcio femminile tutto sommato non è un cattivo affare e le permette di raccogliere sponsor che coprono il gap? Oppure devo credere che la Odeon Tv è il nuovo Robin Hood che ruba ai ricchi (RAI) per dare ai poveri (le nostre società di calcio femminile)?
Da quel che mi risulta, Belloli ha solo chiesto tempo per valutare come stanno le cose in quanto non conosce il calcio femminile e tantomeno le problematiche del nostro settore fino alla fine di marzo per poi prendere delle decisioni.
Su una cosa le posso dare ragione, se siamo a questo punto è solo perché i miei colleghi Presidenti hanno voluto entrare a far parte della LND quando io come un fesso sono stato tra i pochi a votare contro.
Mi creda ho imparato ad amare il calcio femminile come sport con il passare del tempo, ma ora francamente sono arrivato ad un punto in cui la rabbia e la rassegnazione stanno prendendo il sopravvento.
La ringrazio comunque per quanto da lei fatto e dalla sua emittente per il calcio femminile, ma se crede che il problema sia Cesari allora mi creda ha sbagliato tutto.
Giuseppe Cesari

  ,